Filtro
  • Massa: il punto a tre giornate dalla fine

    Più sette punti sulla quint'ultima in classifica oggi significano settimo posto e tranquillità quasi del tutto acquisita. Tranquillità che significa certezza di un nuovo piccolo - grande "scudetto" vinto dai nerazzurri, quello della salvezza senza code. Salvezza conquistata sul campo con caparbietà, grinta e tanto sudore. Il tutto a tre giornate dal termine di un campionato, saranno gli ultimi undici giorni che decideranno le sorti di altre compagini, in alto così come in basso a decidere il loro futuro. Il nostro sembra già scritto, ma a sigillarlo serve la firma in calce di tutte le componenti. Un mini torneo finale quello che ci si appressa a vivere, che non ci vedrà di sicuro spettatori indifferenti. Serve ancora il miglior Massa per consolidarsi, ma soprattutto per dimostrare che nessuno ci ha regalato niente e, tantomeno, che facciamo regali a chicchessia. E' ancora presto per tirare i remi in barca, per cui duecentosettanta minuti di fuoco attendono ancora l'undici massese. Si comincia domenica prossima al "Piazzale Novi" di Angri contro i grigiorossi lanciati verso la conferma di essere protagonisti nei play off, nel tentativo di riagganciare quella serie D che la compagine angrese sogna. Altri sette giorni e al "Cerulli" sarà di scena il Calpazio che cerca di tirarsi su dalle zone paludose dei play out. Si chiude mercoledì 9 aprile a Mirabella Eclano contro quella che forse è la più seria candidata ad occupare la scomoda poltrona di penultima in graduatoria senza passare per appelli finali. Dando ormai per scontata la retrocessione matematica del Poseidon, l'Eclanese appare la più che probabile candidata a seguirla sulla scia della retrocessione diretta. Ma "mai dire mai", quindi ancora un piccolo sforzo ed alla fine sarà festa per tutti e momento di riflessione per quanto si è fatto e quanto c'è da fare.

  • Domenica di scena la Palmese

    In obbligo alla contemporaneità delle ultime quattro gare di campionato il Comitato Regionale Campania della FIGC ha disposto lo spostamento della gara Massa Lubrense - Palmese a domenica 23 marzo con inizio alle ore 15.00

  • Massa: tre punti d'oro

    Dopo la certo non bella prestazione di sette giorni fa al "Menti" di castellammare di Stabia, il Massa si riscatta prontamente nello scornto decisivo per tirarsi fuori dalle insidiose e paludose zone del paly-out vincendo al "Magnotti" di Cicciano. Seppur con il minimo scarto e soffrendo non poco soprattutto nel convuslo finale, l'orgoglio dei nerazzurri esce fuori quando serve. Con questi tre punti i ragazzi regalano al loro allenatore un compleanno più sereno. Il prossimo appuntamento è l'impegno casalingo con la Palmese, altro duro ostacolo da superare per conquistare quel posto al sole dopo con tanta fatica e sudore.

    Cicciano - Massa Lubrense : 0 - 1 (32° Cestaro)

    Fiorentino; Cantilena; Apreda; Cestaro; De Luca; Siniscalchi; Iovino; Vinaccia (st Cappiello); Russo; Volpe; Izzo (st Cuomo)

  • Massa: si ritorna a far punti

    Ritorna a muoversi la classifica e si muove contro una delle squadre più toste del girone, quella Pro Scafatese seguita da un buon numero di supporter che l'hanno sostenuta per tutti i novanta minuti e che non ha ancora abbandonato del tutto i sogni di accarezzare i play off, anzi. Massa sempre incerottato, sconta le assenze di Cacace e De Stefano, infortunati, ed i Russo, squalificato. Attaccamento a squadra, compagni e società sono comunque la parola d'ordine anche degli assenti. Assenti in campo, ma presenti nello spogliatoio e sugli spalti per sostenere i colleghi impegnati in un round che ha rivelato ancora una volta i riacquistati segni della "tostezza" massese tra le mura amiche. I "canarini" partono subito forte in pressing e colpiscono il Massa proprio nel momento in cui stava guadagnando campo e convinzione. E' da poco passato il quarto d'ora quando Maggino vince il duello a destra con De Luca e si presenta solo davanti all'uscita di Fiorentino. Pallonetto e gol. La via sembra spianata ai gialli, ma il Massa non molla. Subita la rete, supera lo choc e riprende a giocare con maggiore vigoria. Non riuscendo a trovare sbocchi la manovra nerazzurra si affida ai piedi di De Luca, che cerca il riscatto su punizione al 19°. Tiro forte e rasoterra che però non impensierisce più di tanto Fantasia. Bella a zione di cantilena al 34°: dal fondo l'esterno massese rimette palla verso il centro area, Aiello perde il tempo buon per la conclusione e sifa soffiare il pallone. Ma è un Massa pungente, che lotta e non si arrende. Al 42° capitan Vinaccia cerca la verticalizzazione per l'inserimento di Cantilena, palla ribattuta, il più lesto è Aiello che dalla lunetta infila la palla dove Fantasia non può arrivare. Il pari rimette tutto in gioco, ma per il primo tempo può bastare. L'inizio della ripresa è da brividi per la difesa dei ragazzi di mr. Gargiulo. 1° Teta crossa dalla sinistra rasoterra, Maggino non ci arriva di un soffio. 3° Maggino si inserisce su una palla persa da Cestaro, se ne va sulla destra e Teta colpisce la traversa. 5° punizione dalla trequarti destra di Teta indirizzata verso il palo opposto colpendolo esternamente, ma nell'occasione il tentativo in scivolata di Guadagnuolo colpisce Fiorentino e l'arbitro ferma tutto. Il Massa si rifà vivo al 13° con Iovino che in scioltezza vola via sull'out destro servendo ad Aiello un pallone d'oro, ma il bomber massese è anticipato all'ultimo istante. 23° Pepe si divora una ghiotta occasione, solo davanti alla porta calcia incredibilmente fuori alla destra di Fiorentino un pregevole assist di Agata. La risposta nerazzurra è affidata ancora ad Aiello che da fuori area prova a sorprendere Fantasia, ma il portiere scafatese blocca a terra. Al 31° Lucarelli saggia le capacità di Fiorentino con uno shoot dal limite, il portierone massese risponde alla grande deviando a mano aperta in angolo. Cala fisicamente la Scafatese e il Massa prova a pungere. 37° Ferrara si lancia in avanti palla al piede, cerca la conclusione ma è facile preda di Fantasia. 40° botta di Iovino deviata in angolo da un difensore. 43° ancora Iovino in evidenza, serva Volpe in piena area, ma dopo aver saltato due avversari il furetto nerazzurro si triva la strada sbarrata da Incitti: peccato, avrebbe potuto tentare il tiro a volo. Al 2° di recupero Vinaccia riceve da Iovino e a volo dal limite sfiora l'incrocio dei pali alla sinistra di Fantasia. Punto pesante quello di oggi, da leggersi come un ulteriore cammino verso una salvezza che, dopo il disastroso inizio di campionato (cinque sconfitte su cinque), comincia a vedersi all'orizzonte. Mancano ancora sei giornate e saranno sei gare da lottare con il coltello tra i denti. Quattro trasferte e solo due partite da giocare tra le mura amiche, sei punti da conquistare per festeggiare ancora una volta il nostro piccolo "scudetto".

  • Il defibrillatore al campo sportivo

    Finalmente il tanto atteso defibrillatore è stato consegnato nella giornata di oggi dal Comune di Massa Lubrense alla ns. Associazione. Lo stesso verrà posizionato nella stanza medica situata dopo gli spogliatoi.
    Stamattina il Presidente (Bruno D'Amato) e il ns. Consigliere-Massaggiatore (Antonino Esposito) si sono recati negli uffici del Comune per firmare la consegna ufficiale del prezioso AED, che, ovviamente,
    speriamo non debba mai servire ad alcuno. Naturalmente un grosso ringraziamento va al "Forum dei giovani" ed al Centro Parrocchiale "I care" che sono riusciti con volontà ed il contributo di solidarietà
    ed economico di tanti massesi coinvolti nella tombolata natalizia, a raccogliere i fondi necessari per l’acquisto.

  • Massa ancora un ko

    Ancora un ko al Massa. Questa volta è un Trentinara non eccelso che, sornione, approfitta di due classici episodi per punire i nerazzurri in crescita ma ancora troppo frenati mentalmente. Dopo soli due giri di lancette, Pecora è abile ad insinuarsi in uno spazio lasciato colpevolmente libero dai due centrali e facilmente beffa Fiorentino. Dopo un tiro dalla distanza di Consiglio, il Massa cresce e comincia a giocare come sa. Per ben due volte si grida al rigore. Al 31° Volpe in serpentina centrale, in ottima posizione per la conclusione finale, è clamorosamente atterrato, l'arbitro di spalle non vede, nè il primo assistente gli è d'aiuto. Cinque minuti più tardi è Marino tirato vistosamente giù in area a reclamare la massima punizione, ma ancora una volta il direttore di gara è disattento. Nella ripresa il Massa si presenta più convinto e determinato. Dopo sette minuti, Marino è abile a raccogliere il retropassaggio di Guerrera e ad insaccare. Il trentinara accusa il colpo e retrocede, arroccandosi in difesa. Il Massa fa fatica a passare e la sensazione è che tutto sommato un pari è alla sua portata. Ma non tutto fila liscio. Minuto 29: punizione sulla trequarti centrale, Guerrera crossa centrale, Fiorentino e D'Esposito  si scontrano e la palla arriva a Coccorullo che ringrazia e segna. Nell'occasione a riportare il peggio è D'Esposito con una forte contusione al costato che lo costringe ad uscire. Al suo posto Iovino, per un Massa ancora più d'attacco, ma ancora incocludente e nervoso. Nonostante la sconfitta (ed i consueti errori) si è visto un Massa in crescita che può far sperare in un finale di campionato che tolga le nebbie di questo girone di ritorno rivelatosi fin qui amaro ed indigesto. Siparietto finale la discussione con il commissario arbitrale le cui parole hanno comunque lasciato intravisare (pur mascherandosi) una evidente impreparazione della terna.

    Real Trentinara – Massalubrense 2-1
    Marcatori: 2’pt Pecora (T), 7’st Marino (M), 29’st Coccorullo (T).
    Real Trentinara – Mazza, Cerrato, D’Andria, Coccorullo, Guerrera, Coccaro , Delfino, Consiglio (27’st D’Angelo), Campione (33’st De Biase sv), Sileno , Pecora. All. Condemi.
    Massa Lubrense – Fiorentino, Cantilena, D’Esposito (30’st Iovino), Cappiello, Siniscalchi, Gargiulo R., Di Leva, Cestaro, Marino, Cacace, Volpe (41’st Palomba). All. Gargiulo L.
    Arbitro: Rainone di Nola.
    Note: Ammoniti Delfino, Guerrera, Cacace, D’Esposito, Di Leva e Volpe.

  • Domenica a Trentinara

    Domennica 10 marzo è il giorno di Real Trentinara - Massa Lubrense. All'undici dell'allenatore Gargiulo Mancherà, oltre agli ormai storici Aiello e Cuomo ed alla "new entry" De Stefano, anche il centrale difensivo De Luca appiedato dal Giudice Sportivo per aver raggiunto la sua ottava ammonizione in campionato. Con gli under Balduccelli e De Simone, anch'essi squalificati nelle rispettive categorie (Juniores e Allievi), saranno di nuovo Apreda e De Angelis i "fuori quota" a disposizione per la panchina. Comunque formazione quasi titolare quella che disputerà la vivacissima gara al "Vaudano" di Capaccio. Buoni segnali, nonostante un'immeritata sconfitta, quelli visti contro il Vico Equense di domenica scorsa, fanno ben sperare per un finale di torneo meno tormentato. Certo sarà battaglia dura, visto che i cilentani sono in piena corsa per acciuffare la coda dei play off, ma stavolta si potrà contare sulla quasi totalità degli uomini a disposizione. Appuntamento a domenica sera.

powered by the boss webdesign